Bianca Beltramello | Orsi Editori
152
post-template-default,single,single-post,postid-152,single-format-gallery,eltd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,borderland-ver-1.12, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,paspartu_on_bottom_fixed,transparent_content,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Orsi Editori | Misticismo e tormento. Personale di Pittura di Bianca Beltramello

“La spiegazione di un’opera è l’opera stessa”.

Così Bianca Beltramello ci porta a visitare la sua prima Personale di pittura.

Ho conosciuto Bianca seienne, all’ingresso della scuola elementare. Dal primo giorno, compagna di banco di mio figlio più piccolo. Con sua mamma, da quel giorno, è nata un’amicizia che dura tuttora. E’ perciò con affetto che scrivo questa recensione ma non credo che questo mi faccia perdere di vista quello che è, obiettivamente, il valore artistico di Bianca Beltramello, dal 21 maggio al 4 giugno 2016 in mostra con le sue opere presso P.U.R.O. Tattoo Studio di via Morimondo 1 a Milano.

Prima Personale per questa giovanissima artista nata nel 1996 che però ha già avuto modo di farsi conoscere in Italia e all’estero: nel 2009, all’età di tredici anni, incontra il Maestro Enzo Migneco (in arte Togo) che la sprona a continuare la sua strada da autodidatta e conservare la sua spontaneità e la sua “mano”. Nello stesso anno viene selezionata per la pubblicazione delle sue opere su Stone-Magazine.

Due anni dopo Bianca apre il suo sito internet BiArt e comincia a pubblicare e divulgare le sue opere che immediatamente ricevono riscontri e apprezzamenti. Fra le altre cose, Bianca ha collaborato con lo street artist francese DW2F nonché con il designer taiwanese Dennis Fang per la realizzazione del decoro delle shopping bag di un famoso centro commerciale di Taiwan.

Attualmente è studentessa di Fashion Design presso l’istituto Marangoni di Milano dove esprime il suo talento artistico nel disegno di tessuti e nella realizzazione di figurini di moda (uno ha vinto il concorso Secoli Fashion Contest 2015) e, contemporaneamente, è iscritta alla facoltà di Lettere dell’Università Statale di Milano che quest’anno le ha conferito la borsa di studio Exploit Your Talent 2016, dedicata ai giovani talenti. La sua passione per la moda vintage, infine, l’ha portata anche a dedicarsi al restauro di abiti del XX secolo.

I pezzi esposti nella mostra Misticismo e Tormento sono volutamente di dimensioni ridotte (generalmente in formato A4) per mantenere una vicinanza e intimità fra l’opera e l’osservatore. Surrealismo e simbolismo ad un tempo, caratterizzano le opere di Bianca Beltramello, dove, al centro, c’è il corpo umano su cui si imprimono ed esprimono sofferenza ed estasi.

“L’uomo si trova teso fra due poli: l’estasi spirituale e l’estasi carnale, il tormento spirituale e quello carnale e in questa tensione estrema si lacera. Il corpo lacerato diviene così simbolo della lacerazione dell’anima. Ma il vero tormento dell’artista è impossibile da spiegare a parole perché, se lo fosse, non ci sarebbe bisogno di dipingere”, spiega l’Artista.

Il risultato sono quadri in cui abbondano ori abbacinanti e decorativismi in contrasto con la trattazione naturalistica dei corpi, maschili e femminili, realizzati su vari supporti e con tecniche miste e utilizzando, oltre ai consueti materiali (acrilici e pastelli), anche smalti cosmetici, colori per stoffe, markers, colle, strass.

Nelle foto in alto:

Bianca Beltramello con alcuni giornalisti presenti all’inaugurazione tra cui Federica Orsi

Bianca Beltramello e “The wind was a torrent of darkness among the gusty trees”

“Peccato mortale” e “Abluzione”

“L’anima riposa specchiandosi nella pensata effigie” e “Segreto”